Il numero di nuovi studenti internazionali che entrano negli istituti universitari e nelle università statunitensi si è attenuato l’anno scorso e ha continuato a diminuire questa caduta su molti campus, rompendo un trend di crescita recente, ha detto lunedì un gruppo senza scopo di lucro.
The flow of new international students entering U.S. colleges and universities shrank last year and has continued to decline this fall on many campuses, breaking a recent trend of growth, a nonprofit group said Monday.

I dati dell’Istituto di Educazione Internazionale probabilmente susciteranno problemi su come la campagna presidenziale divisoria 2016 e la politica americana si spostano da quando il presidente Trump ha preso l’incarico hanno influenzato il mercato accademico globale.
The data from the Institute of International Education probably will fuel questions about how the divisive 2016 presidential campaign and U.S. policy shifts since President Trump took office have influenced the global academic market.

inernatl students

I dirigenti dell’istruzione superiore sono stati allarmati per segni che gli sforzi dell’amministrazione di Trump per impedire ai viaggiatori provenienti da determinati paesi della maggioranza musulmana e l’esame più elevato dei visitatori stranieri stanno deterrando gli studenti internazionali.
Higher education leaders have been on alert for signs that the Trump administration’s efforts to ban travelers from certain majority-Muslim countries and heightened scrutiny of foreign visitors are deterring international students.

Allan E. Goodman, il presidente e l’amministratore delegato dell’istituto, ha dichiarato che è troppo presto per concludere che sia stato un “effetto Trump” sull’iscrizione. Arabia Saudita e Brasile ha recentemente ridimensionato i programmi di borsa di studio che hanno spinto molti studenti agli Stati Uniti. E l’iscrizione all’estero totale presso le istituzioni statunitensi – contando gli studenti continui e quelli nuovi – ha raggiunto un record di 1,08 milioni nel 2016. Il totale è aumentato perché alcuni degli studenti internazionali continui sono rimasti iscritti più a lungo rispetto agli anni passati.
Allan E. Goodman, the institute’s president and chief executive, said it’s too early to conclude there has been a “Trump effect” on enrollment. Saudi Arabia and Brazil, he noted, recently scaled back government scholarship programs that had propelled many students to the United States. And total foreign enrollment at U.S. institutions – counting continuing students as well as new ones – reached a record high of 1.08 million in 2016. The total grew because some of the continuing international students remained enrolled longer than in years past.

Ma Goodman ha detto che è colpito da due domande che frequenta spesso quando si sposta all’estero: tutti gli americani hanno una pistola? E tutti gli americani pagano il prezzo pieno per il college? Queste problematiche nascono nella copertura mediatica della violenza delle armi Usa e del settore dell’istruzione americana, che si basa fortemente sugli studenti internazionali affluenti per i ricavi delle tasse. La sicurezza e il valore, secondo Goodman, sono sempre più prioritarie per gli studenti stranieri.
But Goodman said he is struck by two questions he often hears when he travels abroad: Does everybody in America have a gun? And does everybody in America pay full price for college? Those issues arise in media coverage of U.S. gun violence and of the U.S. education sector, which relies heavily on affluent international students for tuition revenue. Safety and value, Goodman believes, are increasing priorities for foreign students.

L’istituto, in collaborazione con il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, segue l’iscrizione internazionale a circa 2.100 collegi americani e università attraverso un rapporto annuale chiamato Open Doors. Tranne un breve periodo dopo l’11 settembre 2001, attacchi terroristici, l’iscrizione internazionale alle scuole americane è cresciuta costantemente per decenni.
The institute, in partnership with the U.S. State Department, tracks international enrollment at about 2,100 U.S. colleges and universities through an annual report called Open Doors. Except for a brief period after the Sept. 11, 2001, terrorist attacks, international enrollment at U.S. schools has grown consistently for decades.

Gli studenti provenienti dalla Cina rappresentano quasi un terzo degli avvocati stranieri negli Stati Uniti. Il totale cinese ha superato i 350.000 nella caduta del 2016, in crescita del 7 per cento rispetto all’anno precedente. L’India è al secondo posto, con 186.000 studenti negli Stati Uniti lo scorso autunno, in crescita del 12 per cento. Il totale degli studenti sauditi è sceso del 14 per cento a 53.000 e il totale brasiliano è sceso del 32 per cento a 13.000.
Students from China account for nearly one-third of foreign enrollees in the United States. The Chinese total surpassed 350,000 in fall 2016, up 7 percent from the previous year. India ranked second, with 186,000 students in the United States last fall, up 12 percent. The Saudi student total fell 14 percent, to 53,000, and the Brazilian total fell 32 percent, to 13,000.

“Lo scambio di studenti internazionali è un contributo fondamentale per la competitività economica e la sicurezza nazionale dell’America”, ha dichiarato Alyson L. Grunder, vice assistente di Stato per la politica nel dipartimento dell’Ufficio di istruzione e di cultura del dipartimento. “Il settore dell’istruzione superiore degli Stati Uniti rimane il leader globale nell’accogliere studenti provenienti da tutto il mondo e allo stesso tempo ci impegniamo ad aumentare le opportunità di studiare all’estero per gli americani”.
“International student exchange is an essential contributor to America’s economic competitiveness and national security,” Alyson L. Grunder, deputy assistant secretary of state for policy in the department’s Bureau of Educational and Cultural Affairs, said in a statement. “The U.S. higher education sector remains the global leader in welcoming students from around the world, and at the same time, we are committed to increasing opportunities to study abroad for Americans.”

Ma il rapporto Open Doors trovato nuove iscrizioni straniere cadde quasi 10.000 studenti nella caduta 2016, a circa 291.000. Il calo del 3 per cento è stato il primo nei sei anni che la relazione ha pubblicato quella statistica.
But the Open Doors report found new foreign enrollment fell nearly 10,000 students in fall 2016, to about 291,000. The 3 percent drop was the first in the six years the report has published that statistic.

In particolare, l’istituto ha collaborato con 10 gruppi di istruzione in un sondaggio di iscrizione straniera di quest’anno. Circa 500 scuole hanno risposto, riportando una diminuzione media del 7 per cento di nuovi studenti internazionali. Questa figura offre una visione preliminare e parziale. La nuova iscrizione all’estero era in molte scuole e in altre.
Separately, the institute teamed with 10 education groups on a snapshot survey of foreign enrollment this fall. About 500 schools responded, reporting an average decrease of 7 percent of new international students. That figure offers a preliminary and partial view. New foreign enrollment was up at many schools and down at others.

L’indagine sugli snapshot ha scoperto che i collegi citano un insieme di fattori per il declino di quest’anno, inclusa la concorrenza di altri paesi, il costo dell’istruzione superiore degli Stati Uniti, i ritardi o le smentite dei visti e un clima sociale e politico statunitense incerto “. La metà delle scuole che hanno risposto all’indagine ha dichiarato di essere preoccupato per le percezioni degli Stati Uniti tra gli studenti internazionali che stanno pensando di iscriversi l’anno prossimo.
The snapshot survey found colleges cite a mix of factors for this year’s decline, “including competition from other countries, the cost of U.S. higher education, visa delays or denials and an uncertain U.S. social and political climate.” Half of schools responding to the survey said they are worried about perceptions of the United States among international students who are considering enrolling next year.

Molti collegi hanno inviato alti funzionari all’estero quest’anno per rassicurare gli studenti in arrivo e potenziali e hanno lanciato una campagna social media chiamata “#YouAreWelcomeHere”. All’Università della Florida, la nuova iscrizione internazionale – per lo più studenti laureati – è caduta in autunno a circa 1.270 studenti, da circa 1.880 l’anno precedente. Questo è un calo del 32%.
Many colleges have sent top officials overseas this year to reassure incoming and potential students, and they have launched a social-media campaign called “#YouAreWelcomeHere.” At the University of Florida, new international enrollment – mostly graduate students – fell this fall to about 1,270 students, from about 1,880 the previous year. That’s a decline of 32 percent.

L’UF Provost Joseph Glover ha detto che i programmi di ingegneria e di affari sono stati colpiti duramente, con un calo significativo nei nuovi studenti dell’India. Glover ha detto che i funzionari universitari hanno sentito di gocce simili altrove. “Se rappresenta l’inizio di una tendenza al ribasso, questo potrebbe rappresentare un problema serio per la nazione”, ha detto Glover. “È qualcosa che stiamo guardando con grande preoccupazione”.
UF Provost Joseph Glover said engineering and business programs were hit hard, with a significant decline in new students from India. Glover said university officials have heard of similar drops elsewhere. “If it represents the beginning of a downward trend, that could represent a serious problem for the nation,” Glover said. “It’s something that we’re watching with great concern.”

Rahul Choudaha, vice presidente esecutivo presso StudyPortals, una piattaforma di ricerca online per studenti internazionali, ha detto che le forze di mercato stanno causando spostamenti di iscrizione ben prima della campagna presidenziale di Trump. Ma ha dichiarato che la vittoria e le azioni di Trump hanno influenzato molti paesi d’oltremare attratti dalle scuole americane, ma preoccupati per le loro prospettive di carriera dopo la laurea.
Rahul Choudaha, an executive vice president at StudyPortals, a Netherlands-based online search platform for international students, said market forces were causing enrollment shifts well before Trump’s presidential campaign. But he said Trump’s victory and actions in office have influenced many overseas who are attracted to U.S. schools but worried about their career prospects after graduation.

“Il rafforzamento del processo di immigrazione è in realtà che presenta alcune preoccupazioni per gli studenti internazionali, soprattutto a livello di studenti laureati”, ha detto Choudaha. Tuttavia, gli Stati Uniti rimangono un potente disegno educativo. “C’è una grande varietà di opzioni negli Stati Uniti”, ha detto. “Molte di queste opzioni sono di alta qualità, è senza precedenti”.
“The tightening of the immigration process is really posing some concerns for international students, especially at the graduate student level,” Choudaha said. Still, the United States remains a powerful educational draw. “There is a huge diversity of options in the U.S.,” he said. “A lot of these options are very high quality. It’s unparalleled.”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s