Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha accettato di mirare a un limite all’assunzione di rifugiati tedeschi, segnando un ritiro significativo dal suo precedente rifiuto di un berretto.
German Chancellor Angela Merkel has agreed to aim for a limit on Germany’s refugee intake, marking a significant retreat from her previous rejection of a cap.

Merkel ha fatto l’annuncio lunedì in una conferenza stampa congiunta con Horst Seehofer, leader dell’Unione Cristiana Sociale – il partito più conservatore dell’Unione Cristiana Democratica di Merkel – dopo discussioni in cui le due parti cercavano compromessi su una serie di questioni dopo i poveri risulta nelle elezioni federali due settimane fa.
Merkel made the announcement Monday in a joint news conference with Horst Seehofer, leader of the Christian Social Union — the more conservative sister party to Merkel’s Christian Democratic Union — after discussions in which the two parties sought compromises on a number of issues following poor results in the federal elections two weeks ago.

Merkel

Le parti hanno deciso di limitare il numero di rifugiati che arrivano in Germania ogni anno a 200.000 – una politica che Seehofer ha più volte richiesto e che Merkel ha rifiutato costantemente. “Sulla questione di un limite superiore, la mia posizione è chiara”, ha dichiarato Merkel nel mese di luglio. “Non lo accetto.”
The parties have agreed to try and limit the number of refugees arriving in Germany each year to 200,000 — a policy that Seehofer has repeatedly demanded and Merkel had consistently rejected. “On the issue of an upper limit, my position is clear,” Merkel said in July. “I won’t accept one.”

Quasi tre mesi dopo, quella posizione è cambiata. “Sono contento del compromesso che abbiamo trovato”, ha detto Lunedi, descrivendo l’accordo come “base molto, molto buona” per le due parti ad entrare nei colloqui di coalizione la prossima settimana.
Nearly three months later, that position has changed. “I’m pleased about the compromise we’ve found,” she said Monday, describing the deal as a “very, very good basis” for the two parties to enter coalition talks next week.

2015 non può essere ripetuto; 2015 ‘cannot be repeated’

La nuova politica non è descritta come un limite superiore (“Obergrenze”) e viene fornito con diversi avvertimenti, ma segna ancora una concessione da parte di Merkel alle forze più conservatrici del suo partito sorella. Più di un milione di rifugiati sono entrati nel paese nel 2015 a seguito della cosiddetta politica di migrazione a porta aperta di Merkel, scatenando un dibattito nazionale riscattato sull’immigrazione e l’integrazione.
The new policy is not described as an upper limit (“Obergrenze”) and comes with several caveats, but still marks a concession by Merkel to the more conservative forces in her sister party. More than a million refugees entered the country in 2015 as a result of Merkel’s so-called open-door migration policy, sparking a heated national debate about immigration and integration.

La cifra di 200.000 si riferisce ad ammissioni controllate, come i rifugiati riposizionati nell’ambito dei programmi UE o sotto l’accordo concluso tra il blocco e la Turchia nel 2016. Riducendo il numero di richiedenti asilo che arrivano al di fuori di tali programmi possono essere raggiunti combattendo i trafficanti , proteggendo le frontiere dell’UE e colpendo accordi con i paesi di origine e di transito, secondo il documento.
The 200,000 figure refers to controlled admissions, such as refugees resettled as part of EU programs or under the deal struck between the bloc and Turkey in 2016. Reducing the number of asylum seekers who arrive outside the framework of these programs can be achieved by fighting traffickers, protecting the EU’s borders and striking deals with countries of origin and transit, according to the document.

Merkel e Seehofer hanno chiarito lunedì che la cifra stessa è flessibile – il Bundestag può decidere di alzarla o di abbassarla in circostanze estreme – e il diritto fondamentale per richiedere l’asilo è garantito: le persone non saranno allontanate ai confini dopo il limite è raggiunto.
Merkel and Seehofer made clear Monday that the figure itself is flexible — the Bundestag can decide to raise or lower it in extreme circumstances — and the fundamental right to seek asylum is guaranteed: People will not be turned away at the borders after the limit is reached.

Politiche “regressive”; ‘Regressive’ policies

Ma Karl Kopp, direttore degli affari europei di Pro Asyl, una carità tedesca che promuove rifugiati, ha dichiarato a CNN che qualsiasi limite “non è compatibile con il diritto internazionale” e “del tutto inaccettabile”.
But Karl Kopp, director for European affairs at Pro Asyl, a German charity that advocates for refugees, told CNN that any kind of limit is “not compatible with international law” and “totally unacceptable.”

È inoltre preoccupato che un’ulteriore proposta di accogliere tutti i richiedenti asilo in “centri di decisione e di rimpatrio”, mentre i loro reclami saranno valutati, saranno dannosi per il processo di integrazione e incoraggiano l’ostilità verso i rifugiati.
He’s also concerned that a further proposal to house all asylum seekers in “decision and repatriation centers” while their claims are assessed will be detrimental for the integration process and encourage hostility toward refugees.

Kopp vede questi annunci “regressivi” come una risposta diretta al successo dell’Elenco Destra-Destra per la Germania (AfD) nell’elezione del mese scorso. Il partito, che ha fatto la campagna su una piattaforma anti-islamica anti-immigrazione, ha vinto il 12,6% del voto e ora è il terzo partito più grande del Parlamento.
Kopp sees these “regressive” announcements as a direct response to the success of the far-right Alternative for Germany (AfD) in last month’s election. The party, which campaigned on an anti-Islam, anti-immigration platform, won 12.6% of the vote and is now the third largest party in Parliament.

In Europa, i partiti di estrema destra hanno “dirottato l’agenda”, ha detto Kopp. Le discussioni sulla migrazione in Germania sono ora “ispirate alla destra e all’AfD. È un dibattito avvelenato”.
Across Europe, far-right parties have “hijacked the agenda,” Kopp said. Discussions about migration in Germany are now “inspired by the right wing and the AfD. It’s a poisoned debate.”

Anche se il partito di Merkel ha vinto la maggior parte del voto nelle elezioni federali del paese due settimane fa – spingendola a un quarto mandato in carica – il sostegno al suo partito è sceso di 8,6 punti percentuali, con molti elettori che si rivolgono all’Af invece.
Although Merkel’s party won the biggest share of the vote in the country’s federal elections two weeks ago — propelling her to a fourth term in office — support for her party fell by 8.6 percentage points, with many voters turning to the AfD instead.

Non è chiaro se questa mossa incoraggerà quegli elettori a spostare la propria fedeltà al CDU, ma probabilmente potrebbe causare problemi per la Merkel durante le discussioni sulla coalizione. Il partito verde si è impegnato a combattere ogni tipo di limite sui numeri dei profughi e ha ribadito quella posizione domenica sera.
It is unclear whether this move will encourage those voters to shift their allegiance back to the CDU, but it is likely to cause problems for Merkel during coalition discussions. The Green party is committed to fighting any kind of limit on refugee numbers and reiterated that position Sunday night.

In un post su Twitter, Simone Peter, co-leader del partito, ha insistito sulla differenza tra questo accordo e le richieste precedenti di Seehofer per un “Obergrenze”. “E dove è la differenza con un limite superiore?” Scriveva Peter. “Il numero è totalmente arbitrario, determinato puramente ideologicamente: per noi è fondamentale l’asilo che conta!”
In a post on Twitter, Simone Peter, co-leader of the party, insisted there was no difference between this agreement and Seehofer’s earlier demands for an “Obergrenze.” “And where is the difference with an upper limit?” Peter wrote. “Number is totally arbitrary, determined purely ideologically. For us it’s the basic right to asylum that matters!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s