Washington (CNN) – Il presidente Donald Trump è stato sottoposto a critica dura da sabato del NFL e alcuni dei migliori giocatori della NBA dopo aver spazzato gli atleti importanti per inginocchiarsi durante l’inno nazionale, mettendosi al centro di una controversia con notevoli indici razziali e culturali.
President Donald Trump came under harsh criticism Saturday from the NFL and some of the NBA’s top players after he blasted prominent athletes for kneeling during the national anthem, putting himself in the center of a controversy with significant racial and cultural undertones.

170923135520-02-nfl-kneeling-file-restricted-large-tease
Il commissario della NFL Roger Goodell ha battuto Trump in una dichiarazione sabato mattina, chiamando il presidente “divisivo” per le osservazioni fatte a un rally in Alabama venerdì sera, mentre uno degli atleti più famosi del mondo, LeBron James, ha chiamato Trump un “boom” per un tweet di sabato mattina rivolto allo Stephen Curry dello Warriors del Golden State.
NFL Commissioner Roger Goodell slammed Trump in a statement Saturday morning, calling the President “divisive” for remarks he made at a rally in Alabama Friday night, while one of the most famous athletes in the world, LeBron James, called Trump a “bum” for a Saturday morning tweet aimed at the Golden State Warriors’ Stephen Curry.
I tweet di Trump e la dura reazione evidenziano un momento straordinario: il presidente, il commissario della NFL e un giocatore di basket più alto si sono imbattuti in una lotta pubblica contro l’unità e il patriottismo.
Trump’s tweets and harsh reaction highlight an extraordinary moment — the President, NFL commissioner and a top basketball player embroiled in a public fight over unity and patriotism.
Goodell ha detto che la critica di Trump dei giocatori di NFL in ginocchio in protesta durante l’Inno nazionale mostrano una “mancanza di rispetto” per il campionato ei suoi giocatori.
Goodell said Trump’s criticism of NFL players kneeling in protest during the National Anthem show a “lack of respect” for the league and its players.

“Il NFL ei nostri giocatori sono al nostro meglio quando aiutiamo a creare un senso di unità nel nostro paese e nella nostra cultura”, ha dichiarato Goodell nella dichiarazione. “Non esiste un esempio migliore della risposta straordinaria dei nostri club e dei nostri giocatori ai terribili disastri naturali che abbiamo sperimentato nel corso dell’ultimo mese. I commenti divisi come questi dimostrano una sfortunata mancanza di rispetto per il NFL, il nostro grande gioco e tutto il nostro giocatori e un fallimento per capire la forza schiacciante per il bene che i nostri club e giocatori rappresentano nelle nostre comunità “.
“The NFL and our players are at our best when we help create a sense of unity in our country and our culture,” Goodell said in the statement. “There is no better example than the amazing response from our clubs and players to the terrible natural disasters we’ve experienced over the last month. Divisive comments like these demonstrate an unfortunate lack of respect for the NFL, our great game and all of our players, and a failure to understand the overwhelming force for good our clubs and players represent in our communities.”
In occasione di un incontro per il senatore repubblicano dell’Alabama Luther Strange, Trump ha detto che i proprietari della squadra dovrebbero sparare i giocatori per prendere un ginocchio durante l’inno nazionale. Ha aggiunto che se i fan avrebbero “lasciato lo stadio” quando i giocatori si inginocchiano in protesta durante l’inno nazionale, “garantisco, le cose si fermeranno”.
At a rally for Alabama Republican Sen. Luther Strange, Trump said team owners should fire players for taking a knee during the national anthem. He added that if fans would “leave the stadium” when players kneel in protest during the national anthem, “I guarantee, things will stop.”
L’anno scorso, Colin Kaepernick – precedentemente con i San Francisco 49ers, ma attualmente senza una squadra – ha attirato l’attenzione nazionale per aver rifiutato di stare in piedi durante “The Star-Spangled Banner” prima del kickoff.
Last year, Colin Kaepernick — formerly with the San Francisco 49ers, but currently without a team — drew national attention for refusing to stand during “The Star-Spangled Banner” prior to kickoff.
“Non mi alzeremo per mostrare orgoglio in una bandiera per un paese che opprime persone nere e persone di colore”, ha detto Kaepernick a NFL Media nell’agosto 2016.
“I am not going to stand up to show pride in a flag for a country that oppresses black people and people of color,” Kaepernick told NFL Media in August 2016.
Trump ha anche provocato oltraggio da James per ritirare il suo invito della Casa Bianca a Curry del campionato NBA Warriors in un tweet sabato mattina dopo Curry ha criticato il Presidente.
Trump also provoked outrage from James for retracting his White House invitation to Curry of the NBA championship Warriors in a tweet Saturday morning after Curry criticized the President.
“Andare alla Casa Bianca è considerato un grande onore per una squadra di campionato. Stephen Curry è esitante, quindi l’invito è ritirato!” Trump tweeted.
“Going to the White House is considered a great honor for a championship team. Stephen Curry is hesitating,therefore invitation is withdrawn!” Trump tweeted.
Curry ha osservato venerdì che non vuole frequentare la cerimonia della Casa Bianca in programma per commemorare il titolo.
Curry remarked Friday that he doesn’t want to attend the White House ceremony scheduled to commemorate the title.
” Agendo e non andando, speriamo che possa ispirare un certo cambiamento quando si tratta di ciò che tolleriamo in questo paese e ciò che è accettato e ciò che ci chiudiamo “, ha detto Curry ai giornalisti al giorno dei media dei Warriors. “Non è solo l’atto di non andare: ci sono cose che dovete fare sul fondo per spingere effettivamente quel messaggio in movimento”.
“‘By acting and not going, hopefully that will inspire some change when it comes to what we tolerate in this country and what is accepted and what we turn a blind eye to,” Curry told reporters at the Warriors’ media day. ”It’s not just the act of not going. There are things you have to do on the back end to actually push that message into motion.”
“U bum @ StephenCurry30 ha già detto che non sta andando!” James ha risposto sabato a Trump’s dis-invito. “Quindi, quindi, non è un invito. Andando alla Casa Bianca è stato un grande onore fino a quando non sei arrivato!”
“U bum @StephenCurry30 already said he ain’t going!” James responded Saturday to Trump’s dis-invitation. “So therefore ain’t no invite. Going to White House was a great honor until you showed up!”

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s